Giuseppe Giusti

La storia della famiglia Giusti si intreccia con i momenti più importanti della storia dell’Aceto Balsamico.
Nel 1863, in occasione dell’Esposizione Agraria di Modena, è un Giuseppe Giusti a fissare per primo, dopo secoli di tradizione orale, le regole d’oro per ottenere un “perfetto Aceto Balsamico: scelta delle uve, qualità de’ recipienti e tempo”, rimaste tali ancor oggi.
E’ il primo documento esistente che spiega come si produce l’Aceto Balsamico, ancora oggi conosciuto e citato come la “Ricetta Giusti”.

La storia della famiglia Giusti attraversa un periodo particolarmente intenso a cavallo dell’Otto-Novecento: è la Belle Epoque, quando negli stati europei esplode la passione per il viaggiare ed il bel vivere.
E’ in questo contesto che prima Giuseppe e poi Pietro Giusti trasportano il prezioso Aceto Balsamico, vanto della loro bottega, nelle fiere di mezza Europa.
Il risultato è un successo unanime: nell’arco di pochi decenni ottengono diverse medaglie prestigiose , di cui 14 d’oro, strabiliando il pubblico con balsamici invecchiati 30, 50, 100 anni.
Giuseppe Giusti è presente a Parigi nel 1900, dove sotto una contestata Tour Eiffel, costruita proprio per la celebre Exposition Universelle, vince una medaglia d’Oro con uno straordinario “Aceto di anni 90”.
E’ in questo periodo che la fama dell’altissima qualità degli aceti Giusti travalica i confini nazionali, ponendo le basi di una credibilità che continua ancora oggi.

La fama della grande qualità dell’Aceto Balsamico Giusti arriva ad interessare l’allora Re d’Italia Vittorio Emanuele III, che decide di nominare i Giusti Fornitori Ufficiali del Re, concedendo nel 1929 l’alto privilegio di esibire lo Stemma della Real Casa Savoia, ancor oggi presente sulla bottiglia di Giusti.

Rinomato come la più vasta collezione di botti plurisecolari di aceto balsamico, il Gran Deposito di Giuseppe Giusti rappresenta la testimonianza più evidente di una attenzione alla qualità che affonda le sue radici nella storia e nella tradizione.
Il miglior balsamico Giusti viene estratto dopo anni di invecchiamento e miscelazione con aceti ospitati da secoli nelle botti più antiche. Consci dell’importanza di tale patrimonio, i Giusti hanno nei secoli mantenuto con cura e passione la storica acetaia, fondamentale nell’ottenimento del rinomato “Bouquet di aromi Giusti”.

Nessun prodotto corrispondente alla selezione è stato trovato.